“Camelot”. La piccola fortezza del progetto Cfs Lunedì, 12 Febbraio 2018

Camelot è il nome scelto per la Cooperativa Formativa Scolastica creata da studentesse e studenti della terza classe Ue del Liceo Rosmini di Trento. L’assemblea costitutiva è stata ospitata alla sala consiglio della Federazione Trentina della Cooperazione.

Prendendo spunto dal termine scelto per dare il nome alla propria Cooperativa Formativa Scolastica, quella dei ragazzi della terza classe Ue del Liceo Rosmini di Trento potrebbe sembrare una fortezza ispirata ai principi della democrazia decisionale e dalla condivisione come era Camelot nel sogno di Re Artù.

Una fortezza al cui interno ambientare una esperienza formativa destinata a far vivere e far comprendere nel concreto cosa significa cooperativa ed essere e agire da cooperatori.

La sala consiglio della Federazione Trentina della Cooperazione ha ospitato l’assemblea costitutiva di questa Cfs che può contare sulla consulenza del team dell’ufficio di educazione e cultura cooperativa dell’ente di via Segantini.

Studentesse e studenti, meglio socie e soci della Cooperativa Formativa Scolastica, aiutati dai loro insegnanti collaboreranno con la cooperativa Villa Sant’Ignazio al progetto “Sportello di solidarietà sociale”.

In buona sostanza il percorso che vedrà protagonisti il gruppo di studenti-cooperatori si snoderà in alcune tappe.

Si partirà dall’analisi statistica dei dati relativi agli utenti che accedono allo sportello (età, sesso, nazionalità, professione ecc.) per poi passare a una serie di interviste destinate a offrire un quadro il più possibile esaustivo del servizio offerto dallo sportello.

Per fare questo sono state individuate una serie di figure cardine all’interno della struttura e non solo: un volontario dello sportello di solidarietà sociale, un referente della Cooperativa Villa Sant’Ignazio, un interlocutore per le Attività Sociali del Comune di Trento, un altro per la Caritas di Trento, e un altro ancora per la cooperativa Punto di Incontro.

Le interviste rappresenteranno la base per scrivere un articolo sullo Sportello di solidarietà sociale e, naturalmente, sull’esperienza vissuta da ragazze e ragazzi con la Cfs “Camelot”.

                                               

Probabilmente troverai di tuo interesse anche

  • Federazione, nominati i vicepresidenti e il comitato esecutivo

    Il consiglio di amministrazione della Federazione ha approvato oggi con 17 voti a favore e 5 astenuti (compresa la presidente) la proposta formulata da un gruppo di consiglieri sulle nomine dei vicepresidenti e del comitato esecutivo.

  • Esperienze coop di alternanza scuola-lavoro

    Presentate le attività intraprese dagli studenti dell’Istituto tecnico Buonarroti-Pozzo di Trento in collegamento con cooperative trentine “di grandi”. Stabilite forti connessioni con il territorio e il mondo del lavoro. Il team del progetto #VideoTag ha ideato e prodotto per l’Apt Valsugana un software per la ricerca e l’archiviazione di filmati

  • Le Casse Rurali dal ministro Fraccaro: impegno per tutelare la mutualità

    Si è svolto ieri nella sede del ministero a Roma l’incontro chiesto dal ministro Riccardo Fraccaro con i presidenti e vice delle Casse Rurali trentine.

    Marina Mattarei: “incontro molto positivo, abbiamo registrato la disponibilità del ministro per mitigare i possibili effetti negativi della riforma sulla mutualità e l’identità delle Casse Rurali. Accanto alle capogruppo, importante anche il ruolo delle associazioni di rappresentanza”.

  • Presentato l’Annuario dell’Istituto Floriani

    Ripresa una tradizione interrotta nel 2012. I ragazzi della 3^ B hanno lavorato organizzati in cooperativa scolastica. Nel volume sono riportate le foto di tutte le classi, dei docenti e del personale della scuola. In conclusione sono pubblicate le interviste al vicesindaco di Riva e al sindaco di Nago Torbole, già studenti del Floriani

  • Esperienze al Rifugio

    Presentato il progetto della Società degli Alpinisti Tridentini, sostenuto dalla Federazione Trentina della Cooperazione, che mira a proporre stage formativo/lavorativi rivolti a persone portatrici di disagio mentale e assistiti dalle cooperative. Sono intervenuti la presidente di Sat, Anna Facchini, il direttore della Federazione, Alessandro Ceschi, e Claudio Colpo responsabile del progetto "Esperienze al Rifugio".

  • Esperienze al rifugio

    Venerdì 12 aprile alle 10 sarà presentato il progetto della SAT, sostenuto dalla Federazione, che mira a proporre stage formativo/lavorativi rivolti a persone portatrici di disagio mentale e assistiti dalle cooperative.

  • “La felicità sostenibile”. Venerdì 5 aprile incontro con Leonardo Becchetti

    Appuntamento alle ore 18 nell'Aula Magna della Federazione Trentina della Cooperazione in via Segantini 10 a Trento. Disponibili ancora pochi posti. E' richiesta l'iscrizione (gratuita).

  • Con etika un risparmio di 1 milione 750 mila euro in bolletta

    A due anni dal lancio del progetto della Cooperazione Trentina con Dolomiti Energia, ecco il bilancio sociale che mantiene l’impegno sulla trasparenza preso con gli oltre 42 mila sottoscrittori trentini.

    Il documento spiega come sono stati destinati i 674 mila euro del Fondo Sociale, che ha consentito a circa 40 persone con disabilità di sperimentare soluzioni abitative autonome.

  • Federcasse, ribadita la centralità della rappresentanza

    La riforma del credito cooperativo richiede un ripensamento del modello di rappresentanza associativa del settore. La federazione nazionale Federcasse e le federazioni locali sono alla ricerca di un nuovo equilibrio per continuare a rappresentare e tutelare il settore.

    Oggi a Trento i vertici di Federcasse – il presidente Augusto dell’Erba, il vicario Luca Occhiolini e il dg Sergio Gatti – hanno incontrato il cda della Federazione e i presidenti e direttori delle Casse Rurali.

    Unanime il riconoscimento del ruolo di rappresentanza unitaria del sistema, insieme alla richiesta di rappresentare in maniera imparziale tutte le componenti del sistema di credito coop.

    Marina Mattarei: l’unitarietà ha valore strategico e riguarda tutta la cooperazione. A Federcasse chiediamo di proseguire nell’impegno di tutelare l’identità del credito cooperativo, a partire dalla proporzionalità delle regole, e un ruolo di terzietà nel rappresentare tutte le Rurali e Bcc. Dalla Federazione trentina un ruolo proattivo di proposta sui tavoli nazionali a favore delle banche cooperative.

    Augusto Dell’Erba: siamo la casa unitaria delle banche cooperative, questo consiglio di presidenza sta facendo il possibile per garantire equilibrio tra tutte le componenti. Lavoriamo in tutte le sedi per salvaguardare la specificità delle banche cooperative rispetto al resto del sistema bancario.

  • La Giunta provinciale presenta alle categorie economiche il progetto degli Stati Generali della Montagna

    E’ una sfida decisiva per l’Autonomia trentina. Far rimanere la gente e le attività economiche in montagna, farla vivere. Lo ha detto chiaramente il presidente della Provincia, Maurizio Fugatti, incontrando ieri pomeriggio, insieme alla Giunta provinciale, i rappresentanti delle categorie economiche del Trentino ai quali ha illustrato il progetto degli Stati Generali della Montagna. Un percorso sul territorio che intende coinvolgere tutti gli attori che lo vivono e che culminerà in una convention plenaria in programma a metà giugno a Comano Terme, nella quale si proverà a fare sintesi delle istanze emerse per elaborarle in un piano di proposte strategiche per la valorizzazione della montagna.

Copyright 2017 - 2019 Cooperazione Trentina